Cavalcare in sicurezza

Siamo davanti ad un animale di grossa stazza che in quanto forza non è da sottovalutare. Infatti sulle pagine di cronaca non di rado si leggono tristi notizie di cavalieri travolti dallo stesso peso del loro cavallo e di incidenti durante manifestazioni equestri.

Si tratta di un animale timoroso da trattare con rispetto e prudenza soprattutto perché posto davanti ad un imprevisto tende per sua natura a scappare, spesso anche con reazioni incontrollate. Non c’è cosa più pericolosa di un cavallo spaventato che può certamente diventare una minaccia per se stesso ma anche per chi lo cavalca e  circonda.

L’unica soluzione per cavalcare in sicurezza è quella di addestrare bene il nostro animale senza tenerlo in un ambiente troppo protetto e controllato. È necessario infatti abituarlo gradualmente a tutti i rumori che potrebbe incontrare una volta uscito dalla scuderia soprattutto se la nostra intenzione è quella di cavalcarlo anche su strada. Dobbiamo fargli conoscere i “rumori molesti” tipici dell’ambiente periurbano come le sirene dei mezzi  di soccorso, gli allarmi, i rumori dei mezzi agricoli, i clacson e molto altro ancora.

Cavalcare in sicurezza sulla strada

La strada è un contesto molto caotico ed è quindi importante addestrare il cavallo a non spaventarsi al minimo rumore e soprattutto a non fuggire in modo incontrollato. L’animale ha paura delle cose nuove e di ciò che non conosce: per questo motivo ha bisogno di esplorare bene l’ambiente in cui lo si fa cavalcare con tutti i rumori, il traffico e il caos annessi. Le prime volte si consiglia di farlo uscire per brevi passeggiate in gruppo con altri cavalli già abituati alla strada in modo da fornirgli un esempio e fargli capire che non c’è nulla di cui avere timore.

Quando portiamo il nostro animale sulla strada è bene ricordare che vale il codice della strada nello specifico:

  • L’art. 115 del Codice della strada stabilisce requisiti fisici di idoneità ed un’età minima di 14 anni per la conduzione di un animale da sella o da traino.
  • L’art. 141 del Codice della strada impone di avere una velocità adeguata e moderata al traffico e alla visibilità.

Ulteriori accorgimenti per cavalcare in sicurezza sulla strada:

  • Assicurazione: può tutelare il proprio animale, il cavaliere ed eventuali danni cagionati a terze parti.
  • Rispetto delle regole legate al buonsenso: è opportuno viaggiare in fila indiana per non arrecare disagi alla circolazione stradale , utilizzare adeguati strumenti di segnalazione con materiali catarifrangenti, usare prudenza durante gli attraversamenti e segnalare ogni nostra svolta.

Cavalcare in sicurezza nella natura

L’ambiente naturale è di sicuro più simile agli spazi aperti dei maneggi ai quali i cavalli sono già abituati. Quindi tendenzialmente cavalcare in ambienti naturali è un’esperienza molto meno rischiosa e tranquilla rispetto al contesto stradale.

Si tratta tuttavia di un ambiente esposto a rischi potenziali ed imprevisti. Quindi è bene osservare alcuni buoni comportamenti per fare in modo che la nostra esperienza da piacevole non diventi una pessima avventura.

Nello specifico si consiglia:

  • Conoscenza precisa del percorso: la nostra uscita deve essere preparata in modo attento per determinare la strada da percorre ed evitare le zone sconosciute.
  • Cavallo preparato: l’animale deve essere fisicamente allenato ad affrontare questo genere di percorsi in modo da non doversi troppo affaticare con il rischio di compromettere il proseguo dell’avventura oltre che la sua incolumità.
  • Kit di pronto soccorso: ogni qualvolta ci allontaniamo da un luogo distante dalla civiltà è buona norma portarlo con se per far fronte ad ogni imprevisto che potrebbe colpire cavallo e cavaliere.

CONTATTACI SUBITO